| | |   Cerca trova
| | |
I CENTO ANNI DI ASSONIME > i cento anni di assonime > statuto
 
STATUTO

 

In questa sezione sono raccolti alcuni degli statuti di Assonime dal 1910 fino ad oggi, con le modifiche che hanno influito maggiormente nel governo dell'Associazione nel corso degli anni.

Statuto del 1910

Il primo statuto di Assonime, scritto interamente a mano dal Notaro di Roma Comm. Dottor Enrico Capo, fa parte degli atti costitutivi dell'Associazione fra le Società italiane per azioni. L'articolo IV stabiliva la durata dell'Associazione fino al 31 dicembre 1920, prorogabile con deliberazione dell'Assemblea a maggioranza di voti. La sede centrale era stabilita in Roma. Ad essa si affiancavano uffici regionali in Bari, Bologna, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Torino e Venezia.

Statuto del 1922

Il documento è solo un estratto dello Statuto del 1922. Lo statuto stabilisce che i poteri dell'Associazione risiedono in 5 organi: Assemblea Generale Ordinaria, Consiglio Generale, Comitato Esecutivo, Presidente, Giunta Direttiva. I membri del Consiglio Generale "saranno non meno di 40 e non più di 60 eletti dell'Assemblea delle Associate...dureranno in carica 4 anni e potranno essere rieletti". Il Comitato Esecutivo è eletto dal Consiglio generale ad ogni biennio ed è composto da 9 a 12 membri. Il Comitato Esecutivo nomina nel suo seno il Presidente, in carica due anni e non rieleggibile se non dopo un anno dalla sua decadenza. Il Presidente, insieme a tre membri eletti nel Comitato, compone la Giunta Direttiva.

Statuto del 1944

Lo Statuto del 1944, all'articolo V, stabiliva la durata dell'Associazione fino al 31 dicembre 1960, prorogabile con deliberazione dell'Assemblea a maggioranza di voti. La sede dell'Associazione era stabilita in Roma, senza far più menzione degli uffici regionali. Lo statuto stabilisce che i poteri dell'Associazione risiedono in 4 organi: Assemblea Generale Ordinaria, Consiglio Generale, Presidente, Giunta Direttiva (scompare il Comitato Esecutivo). Aumentano i membri del Consiglio generale: non meno di 60 e non più di 80 e diminuisce la durata in carica: 2 anni. Il Consiglio Generale elegge la Giunta Direttiva che dura in carica 2 anni ed è composta di non meno di 8 e non più di 12 membri oltre al Presidente in Carica e agli ultimi tre Presidenti che ne fanno parte di diritto. Il Presidente è nominato dalla Giunta Direttiva, qualora non lo abbia nominato l'Assemblea delle Associate, dura in carica due anni e può essere confermato una o più volte.

Statuto del 1945

Nello Statuto del 1945 aumentano i membri del Consiglio generale: non meno di 60 e non più di 95. La durata in carica è sempre di 2 anni. Aumentano i membri delle Giunta Direttiva: non meno di 12 e non più di 16. La Giunta può eleggere al suo interno un Comitato per deliberare ed esaminare questioni che abbiano carattere d'urgenza.

Statuto del 1948

Nello Satuto del 1948 aumentano i membri della Giunta Direttiva: non meno di 16 e non più di 20.

Statuto del 1959

Nello statuto del 1959 la durata dell'Associazione è stabilita fino al 31 dicembre del 1980, prorogabile con deliberazione dell'Assemblea a maggioranza di voti.

Statuto del 1961

Nello Statuto si stabilisce che gli Organi dell'Associazione sono 5: Assemblea Generale delle Associate, Consiglio Generale, Giunta Direttiva, Presidente e il Collegio dei Revisori dei Conti. La Giunta direttiva può nominare fra i suoi membri uno o più vicepresidenti e un Comitato di Presidenza. Il Collegio dei revisori dei Conti, composto di tre membri, vigila sulla gestione economica dell'Associazione e riferisce all'Assemblea Generale sul rendiconto finanziario. Inoltre nello statuto del 1961 viene meno uno degli scopi dell'Associazione, presente fino al 1959: "l'Associazione segnala alle amministrazioni dello Stato e alle altre amministrazioni pubbliche, in materia di legislazione commerciale, fiscale e amministrativa, di legislazione e tariffe doganali e di condizioni di tariffe e di trasporto, le pratiche degli enti associati la cui soluzione possa comunque rispondere agli scopi perseguiti dall'Associazione". Il Titolo V stabilisce che la durata dell'Associazione è a tempo indeterminato.

Statuto del 1975

Lo statuto stabilisce l'aumento dei componenti della Giunta Direttiva: non meno di 20 e non più di 25, e dei membri del Consiglio Generale: non meno di 80 e non più di 100. Il Collegio dei revisori dei Conti, composto di tre membri, vigila sulla gestione economica dell'Associazione e riferisce all'Assemblea Generale e anche al Consiglio Generale.

Statuto del 1997

Lo Statuto stabilisce l'aumento dei componenti della Giunta Direttiva: non meno di 20 e non più di 30.

Statuto del 1999

Nello Statuto del 1999 si ufficializza per la prima volta in nome ASSONIME. L'articolo 1 infatti recita: “L'Associazione fra le società italiane per azioni, in forma abbreviata ASSONIME, è un'associazione volontaria senza finalità di lucro e svolge la sua attività secondo le norme del presente statuto.

Statuto del 2003

Lo Statuto stabilisce che i poteri dell'Associazione risiedono in 5 organi: Assemblea delle Associate, la Giunta (organo corrispondente al Consiglio Generale), il Consiglio direttivo (organo corrispondente alla Giunta direttiva), il Presidente e il Collegio dei revisori dei conti. Vine inoltre stabilito che la composizione della Giunta e del Consiglio direttivo "deve possibilmente conformarsi a criteri di rappresentatività dei diversi settori economici nei quali operano le Associate". Viene stabilito che il Presidente resta in carico per un biennio ed è rieleggibile una sola volta.

Statuto del 2009

Nello Statuto si stabilisce che Assonime può "costituire società commerciali o parteciparvi" (art 2).

 
HOME
© Assonime 2011 |  Disclaimer  |  Note legali  |  Crediti